baglionate

Ho sempre fisso questo pensiero:
il cantautorato italiano ha stancato,
un baglioni d’annata, un guccini di soppiatto
non mi hanno cantato nulla di abbastanza leggero.
Solo una musica, ogni tanto, potrebbe farmi sospirare
eppure, anch’essa dopo migliaia di ascolti
di note, verticali e ponti distrutti
ha stancato abbastanza per diventarmi classica.
Sei come questa sensazione: sei troppo
e troppo sei, pletorico, disilluso ma romantico
e tanto pieno di te, della tua convincente teosofia

tu sai, tu sei, e pensi che questo
basti a farmi canticchiare
la tua banale disperazione
d’amante.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...