di te

Pur promettendo la migliore cortesia
non rimpiango le tovaglie che ho macchiato di vino,
rosso, rosa e fuoco
condite da salse zafferano e verdi di menta.
Adesso che la mia diga si è aperta
e scroscia, da lontano, la misteriosa vita;
la senti, la mia mano, tenerti in caldo il capo
però, fintanto che dura, fintanto

non c’è capoverso che concili
il mio ricordo
non sbiadisce
e ritorna
come un eco cristallino
di te.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...