carne

Mi facevi promesse d’acciaio
Lucide e bronzee come le dita di Eos
Le rimiravo, quadri chiari e miniature
Che tenevo sul seno, nascosti
Come piccole uova di quaglia
Da covare e farne pulcini umidi

Mi facevi quei begli assoli
Di lingue perdute, parlate con i tuoi occhi
Pieni di vento, azzurro e stormi;
mi rinchiusi insieme a te
nel bozzolo di pupa
e ora

guarita dall’isolamento
non ho più bisogno
di fantasmi di carne.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...