sassolini

Mi sfila di fronte l’esercito
Poco presente, affatto armato
Delle mie afflizioni e delizie;
Come croci, sparse in centro
Lunghe e distese, vuote di midollo
Che frana come un piovoso fango
Dalla scarpata del mio sguardo aggrottato.

Mi sfila il senso, di questo
Di tutto quanto, e quando capita
La vena sinoviale si gonfia
E pulsa, pulsa e fa male
Come un sassolino incastrato
Dove dovrebbe esserci l’assenza.

E tu, primigenio, lo togli.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...