Più di

più di questo
sentire in questo posto
in qualunque modo

verso il nulla vagare
e cominciare a capire
che prima del sentiero
appena prima del sentire
giusto le mani si aprono
e vicino a questo buio
nebbioso
a quando la fine era qua,
a portata di tasche.

ecco, cosa c’è
in effetti, in difetti
cosa c’è
più di questo?

anche se il rosa acceso
mi sta malissimo
e la sera della nostra prima
ho sbagliato qualche battuta
sulle bianche scogliere di cotone

e se sale incontrollato pianto
il battersi ritmico del sangue
sudori freddi e inadeguatezza

qui e ora
cosa c’è
più di questo?

la risposta ad ogni
volgare domanda:
si volge la sfinge e
per questo millennio
mi sorride, dolce,
come una madre.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...