panni

Due parole per te
Che ti sei nascosto dietro le mani
E hai gridato sottovoce
Il tuo dissenso in questa luce cruda;
ho colto la volontà
di amplificare un suono
che esce dalla tua bocca,
che scoperchia il nonsenso
del misterioso affanno, affranto.

Tu non vuoi si dica di te
Che fosti quello che non fosti;
eppure, la purezza ristagna
in questo giorno
dove hai ammesso, di tua libera commozione,
d’essere esattamente
chi non avresti mai amato,
chi non avremmo mai temuto.

Sii tu, e tu sia
Per ciò che più sacro credo.
Debba mostrarsi un uomo
Nei panni di chi è.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...