Mismo

Il medesimo modo
Di farsi da parte
La sorte peggiore
Da mettere  a carte;
Mi stringe la cinta
Il suono di seta:
Sei tu l’errore, tu sei l’asceta
Che scegli l’orrore
Di non quadrare
Roteando
In grazia
Sulle punte fameliche
Sulle bocche rosse
Di canini splendide.

Il medesimo tuono
Arriva alle orecchie
È già notte
E piove
Quando azzardo un passo
Oltre le mura
Sul niente. Mi salvo
Da me,

Come sempre.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...