ossa

Volevi che stessi al posto
mi tendevi un bastone viscido
sono caduta, ci sono caduta
in trappola, in bambola.

Miravi e intanto credevi
che fosse facile arrivarmi
dove non tocco nemmeno io
sul fondo ruvido
del barile.

Raschi, ora, raschi
tritando le mie miserie
come gusci di noce
propinando bibite filtrate
dal tuo ineffabile candore.

Oh sì, adori, adori
essere te, e odori
proprio d’incenso.

Intanto, io resto a terra
e tutte le radici
non basteranno a stritolare
le mie infrangibili ossa.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

Conceal Don't Feel

Don't let them know che hai speso tutto da Sephora.

Il Misantropo Ignorante

Un luogo dove fermarsi il più brevemente possibile

orearovescio

scrivere è entrare nelle ore a rovescio

tarocchiacolori

il destino sta in quello che vedi

ALLE DONNE PIACE SOFFRIRE?

Spunti per una Rivoluzione

OggiScienza

La ricerca e i suoi protagonisti

Tucamingo

Femminismo, latte e biscotti

Il Maschio Beta

"Beta" è un'offesa solo se si pensa che "alfa" sia un complimento

Vestioevo

Quando vestirsi divenne moda

armocromiaestile.wordpress.com/

La versione migliore di te

Suoni Ancora?

Storia di un viaggio, di una morte e della rinascita. La musica è il filo di arianna in questo viaggio

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

bibolottymoments

Non tutti amano la sodomia. Ma se glielo domandi, negano.

perìgeion

un atto di poesia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: