Vuoto

E tu resti in contemplazione
di una muta effigie divina
la dea dalle braccia-mutilate
(non è detto risponderà a tono)

Ti stanchi del freddo del tempio
vorresti un balsamo alla ferita;
e ti ritrovi a sognare con nostalgia
gl’incensi appassionati della chiesa infantile.

Mi superi in gratuità, graviti come una luna
nei pressi del salmo sacrificale;
non ti accorgi, angelo del mio silenzio,
che non c’è una scappatoia
a quel cielo muto, di codardia pieno
signore assoluto del tuo ossessivo diniego?

Non c’è modo di riattaccare le mani
a una donna che non vuole più toccare
Nulla, se non il tenero, innocente Vuoto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...