ampolla

L’essenza spremuta
e infine donata
un lago tempestoso
tra vetrificazioni
e lunghi periodi di sale
disciolti

fra gioielli luminosi
le mie mani tengono
il tra/lucore
che produci.

Sei un mistico miraggio
e fintanto che argento liquido
mi starai affosso
sarò colorata
sarò protetta
sarò benedetta
e le tue preghiere atee
mi renderanno

santa tra le sante.

È l’elisir del tuo candore
che ti scivola piano
dalle dita fuori dal letto
lo raccolgo, come latte d’amore
il più puro dei miei pensieri
il più perfetto dei miei desideri
il più contrito dei miei ricordi.

Quinta essenza
delle altre quattro
s’è persa traccia
ho te, che m’importa,
ho te tra le braccia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...