carne

Si bagna l’ultima fetta di sole
incastrata fra le unghie
dell’aquila d’argento;

plana e soddisfa la sua voglia di carne bianca,
mi mostra un unico occhio
scrutante la forma imperiosa delle montagne.

Lo vedi quel balcone di pietra?
Si affaccerà tra poco l’ultima quiete
e bianca volerà come corrente di neutrini

verso per verso
stridio per sorriso
sormonta la notte
e fugge ancora per poco
fugge finché lo abbatteranno
finché i mari lo sommergeranno
il pieno graffito
degli artigli
sul mio cervello di cuore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...