uno sfogo

È uno sfogo, ci tengo a precisarlo
non c’è desiderio
di farne un buon testo.

Ho bisogno, un pressante bisogno,
di oppormi e insieme lasciarmi fluire
dall’insieme di particelle verdognole.

Hai presente quando guardi
dall’altro finestrino
il bordo del marciapiede, a volte chiaro a volte scuro.
Veloce sfila, se fossi in modalità pedone
sarebbe lento e sconnesso,
e invece la corsa lo trasforma
in un nastro granuloso

e d’improvviso, come il colore di un uovo,
capisci che tu sei troppo veloce
ed esso troppo lento.
Una decisione molto scura
si avvicina a coda bassa
e tu la accogli, la accarezzi
finisci per volerle bene.

Come con te, ho ammirato il tuo profondo dolore,
ho pensato fossi un orrido
scosceso, pieno di erbe brillanti
e scrosciante d’acqua pura.
Ho capito oggi che m’ero sbagliata,
ho battuto la testa migliaia di volte
contro un plexiglas
sintetico, utile e profondamente falso.

Sbandieravi con certezza
i tuoi grandiosi obiettivi:
la tua sicura vita così liscia
tanto facile da sembrare stupida.
E in effetti, mi sei antipatico.
Cosa diavolo mi piaceva di te?
Me lo son chiesta per tutta quella interminabile mezzora.

Il cuore non capisce
il tuo minuscolo,
il mio mormorante,
è quello il padrone
il mio padrone.

Tu non sai niente di me
e non lo hai mai saputo,
son stata solo la barista
che ti teneva compagnia
quand’eri ubriaco di noia.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Conceal Don't Feel

Don't let them know che hai speso tutto da Sephora.

Il Misantropo Ignorante

Un luogo dove fermarsi il più brevemente possibile

orearovescio

scrivere è entrare nelle ore a rovescio

tarocchiacolori

il destino sta in quello che vedi

ALLE DONNE PIACE SOFFRIRE?

Spunti per una Rivoluzione

OggiScienza

La ricerca e i suoi protagonisti

Tucamingo

Femminismo, latte e biscotti

Il Maschio Beta

"Beta" è un'offesa solo se si pensa che "alfa" sia un complimento

Vestioevo

Quando vestirsi divenne moda

armocromiaestile.wordpress.com/

La versione migliore di te

Suoni Ancora?

Storia di un viaggio, di una morte e della rinascita. La musica è il filo di arianna in questo viaggio

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

bibolottymoments

Non tutti amano la sodomia. Ma se glielo domandi, negano.

perìgeion

un atto di poesia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: