stanca

Choi Xooang

Stanca, quanto stanca può esserlo
chi vive sul cornicione dell’ultimo piano
aggrappata alla finestra sottile,
il vetro infranto a fare da paracadute.

Stanca quanto stanca può esserlo
il millimetro piano, l’insetto che in decenni
riscopre tutte le fughe tra le piastrelle
e dalla luce implacabile accecato
sfugge poco prima di spiaccicare
sull’ultimo schifato urlo.

Stanca, quanto indolentemente dolorosa
può essere la schiena dopo ore
e ore e ore e ore
di delicata minuzia di vita:
un corretto porsi verso il mondo,
la coscienza che quel binario che morde
infila molte carte al suo arcolaio

e dietro
è solo un binario
morto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...