carrozze

Come un paesaggio
che scivola sobbalzando
dal finestrino unto
dei miei occhiali spessi

sul sentiero di casa
l’asino si arresta
non vuole proseguire
e nemmeno mi sento di insistere.
Fossi lui nemmeno io
attraverserei il ponte.

Mi scivola di mano il libro
ho smesso di sentire il moto,
perdo i sensi, insieme al singhiozzo:
si muove il mondo
o sono ferma io?

In fondo non cambia davvero
il carro, con davanti buoi o oche,
rimane cementificato
sulle rive dell’incoscienza.

Un giorno, spero, insieme
rideremo di tutto questo,
dopo che avremo lottato
ovvio. Dopo che ti avrò insultato
a lungo, tanto da imparare nuove lingue
e nuovi gesti d’affetto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...