Anguilla

inc-taverna-bacco-picc

Domenica sarò a pranzo
da zia Anguilla.
Sbatte forte i piatti, da come ricordo
e cucina cose bruciacchiate
ritorte, irriconoscibili.

Volevo chiedere una volta
il bis di qualche piatto misterioso
una specie di crema arancio
con galleggianti verde prato
e mi disse che aveva finito la tinta.

Non è una donna ospitale,
ma chissà com’è, spesso è pieno
il suo salotto di rustico disagio.

Non cucina con amore
ma quello che fa ti riempie.

Le porterò qualcosa da appendere
al suo cuore ridotto in macerie,
dalla guerra del 55 (come chiama il divorzio, lei)
non è più la stessa.

L’allegria le fa da entreneuse
nella sua casa rossa e maldestra
so che ci sarà sempre una scagna*
in legno ruvido e tante risate amare.

Zia Anguilla ha forti denti
e trancia con vigore
tutti i dubbi dei commensali,
è pigra nel dare giudizi
ed è questo che amo di lei.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...