rubelite

8b3020cfe03ffa7eeb3a25117634988e

Parlo in maiuscolo
quando l’angolo si fa stretto
quando di piume ruvide
si riempie il canale;

parlo in rubelite
quando la storia si colma
e la misura schiaccia
tutti i miei problemi
contro il vetro,
e li minaccia.

Zittisco le mani
tradite poi dagli occhi,
quando la bocca nera
si apre a pozzo
e ingoia tutto il nuovo
e sputa tutto il marcio

perché è rischio
ma insieme vischio
riferire
le luci balzanti
dietro le finestre del tempo primigenio.

Tu accosta l’orecchio
dei tuoi palmi:
qualcosa sentirai
se non sarai rinchiuso
nei tuoi labirinti di cera fusa.

Sa di fumo
la mia metà
di voce nuda.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...