vivo

Emily Blincoe

Quando ero piccola, ero piccola
e mi rifugiavo nelle stanze
vuote di qualunque mobile d’appartenenza,

quando ero piccola, ero infinita
e potevo comporre
così tanti compromessi
con me stessa, il passato e la gente.

Quando avevo un nome
volavo talmente rasoterra
che tutte le cime dell’erba
mi strappavano la stoffa
e umide mi infilivano
perle di stelle
in fondo alla gola
e in altri orifizi.

Quando mi scordai la mia nuca
potei infine vedermi
dall’altra parte del mondo:
come occhiosvelto,
potevo e non potevo
di quei capelli biondi
rasare o intrecciare.

Quando ero un gatto
ero morto
ed ero vivo.*

*paradosso di Schrodinger

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...