entropisia

Tony Cragg

Su sfondi rossi insulsi
comincia la parata di idiozie
e mi danno, corro, arranco
dominatrice d’un impero del nulla

spendo centomila guai
per farmi coadiuvare
alla dimensione atipica
di frullare tutto il frullabile

corro e mi invischio
in milioni e miliardi
di cellule tenderistiche

e latito, a me stessa,
e latito alle manovre di avvicinamento.

Poi, basta un granello di sole
e lucido, scivoli
ancora sulle mie scarpe di fango.

Però, stringo più forte i bulloni delle tempie:
il fastidio immenso
della debolezza umana.

Ho bisogno di gettarmi inerme
contro mulini ad entropia.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...