Stradacce


In un brillare atipico
avevo compreso, inveito
sull’ultimo costone.

Mi pareva strano
avere così grazia, disponibile
una quiete rada e rara
in molti modi vibrante
di eccessi di nuovo.

Forse, accendendomi,
avrei dovuto avvertire la folla
e correre più lontano,
fare posto agli ossimori
gettati ai cani di strada polverosa.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...