Digressione


Nei palazzi dell’odio
luminarie e candelabri
alimentati da oli neri

Dallo scalone
scivola e carpia
la palla di stracci,
quei miseri abiti smessi.

Smisi allora di contare
gli argenti e i preziosi sguardi:
erano troppo cinici
per finire nel posso.

E sì
la mia festa solitaria
finì prima del film.

Annunci

Feste

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...