Digressione

Un vuoto così denso
Che si tocca quasi con le punte
Mi nascondo in invisi corridoi-
Dalla cima al passatoio
La migrazione inutile; volteggiano i grandi predatori pallidi

Velata di maturità, abbandonata
La misura colma in qualità
Di erede alla forma, cupa
E romba, colpita e smunta.

E romba, corrompe, cruda
Nei sensi vuoti,
Sui posti muti.

Annunci

Buchi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...