Digressione

545188331_0500180c17_z-300x188

Sui gridi ambossanti, e le vorte curfosche
la brigola s’infanì: negli occhi d’intergo
l’umpore, trascontì. E finché la mistra
in tengiante col pardutto fostile,
allora il tempo starbattì, ma il cuore
del Forcaio, come un trempo, ustato
sparboliava.

Mintacciosa e vacurata, la notte
sestullava, in ordine, gli androstoni luccenti.

Annunci

f.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...