Digressione

Esisteva un modo
sicuro. Forse persistente.
La matematica certezza
che la forza mi fosse amica
in grado, sicura.
Esistevo. Esistevo.
Sul treno senza stazioni
abbracciata ai deludenti tuoni.
Non c’è coscienza o incoscienza
tanto grande da farmi comprendere
in un minuscolo sfolgorìo
cosa sarei stata. Come sarei morta.
Ma si muore poi?
E si rinasce davvero?
Si sa quello che si sa.
Una mattina, i buchi mi avevano svuotata.
Vigliacca. O coraggiosa.

Ogni tanto fingo una vita parallela.

Annunci

Train

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...