Viaggiare

Hai presente i viaggi in auto la sera o la notte? Quando è tutto buio, solo le luci intorno vaghe e poche, soprattutto nelle strade appartate. E torni da un cinema, ristorante, festa o concerto. Ed è sera, magari venerdì o sabato. Ti senti quasi cullato dall’idea di arrivare a casa.

Ha un sapore di confidenze, di imminente riposo, lo senti nella pelle, quella quiete del tempo in cui solo i grilli, le lucciole e le rane fanno rumore. D’estate poi, la sensazione è anche più forte.

Nel nastro nero, nel buio morbido potrei andare avanti per ore in quel modo. Guidata dal desiderio insieme di proseguire e di arrivare. Una specie di felicità semplice, senza particolari sovrastrutture o aspettative, tranne essere dove sei, proprio con chi sei.

Persino se mi trovo con persone poco simpatiche, è un momento così bello che sembrano persino belle persone.

Un perfetto equilibrio tra essere da qualche parte e non esserci, ha il sapore di un ponte che si distende e che attraverso, a velocità costante, vedendo il fiume dell’accadere sotto di me.

Che sia fatta in questo modo, la più bella delle felicità? Una transizione consapevole, imminente e insieme eterna, il fulcro esatto del mondo in cui perdi la coscienza di essere te stesso e ti vuoi solo lasciare andare, sei solo un corpo trasportato da una scatoletta vibrante.

La felicità, un viaggio.

Annunci

4 risposte a "Viaggiare"

Add yours

  1. Sensibilissima accurata descrizione di questo arco di tempo breve e lungo una vita. “desiderio insieme di proseguire e di arrivare. Una specie di felicità semplice”.
    Un testo genuino, che parla di tutta la povertà di cui è fatto il “vero”.
    Inoltre, come succede in certi stati mentali in cui il pensiero diventa oggetto, le tue descrizioni sembrano trasformare le sensazioni in materia tangibile. Grazie,
    un saluto..

    Mi piace

  2. Ho condiviso questo brano, la sua atmosfera, sin dalla prima lettura. Ora ci torno per piluccare qualche parola: il “buio morbido” per esempio ha la bellezza della parola esatta, quell’ovatta scura che ci avvolge nell’abitacolo viaggiando di notte e che ci libera i pensieri.
    ml

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

Beauty Obsession

Sono Giulia e sono una studentessa dell'Università degli Studi di Padova. In questo blog tuttavia condividerò con voi un'altra mia grande passione: il mondo del makeup e della skin care. Scriverò recensioni dei miei prodotti preferiti, di quelli che mi sono piaciuti meno e di tutto ciò che riguarda il beauty.

Come Non Detto

il blog di Leo Ortolani, che ci teneva tanto, bisogna capirlo

40nagers

Be simple, be trendy, be fashionable

Rossetto e Merletto

piccole idee malvagie

Shopping & Reviews

a beauty blog

Craftynail

Nail polish? Yes, please!

StyleCaster

Style News and Trends

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

Conceal Don't Feel

Don't let them know che hai speso tutto da Sephora.

Il Misantropo Ignorante

Un luogo dove fermarsi il più brevemente possibile

orearovescio

scrivere è entrare nelle ore a rovescio

tarocchiacolori

il destino sta in quello che vedi

OggiScienza

La ricerca e i suoi protagonisti

Tucamingo

Femminismo, latte e biscotti

Il Maschio Beta

"Beta" è un'offesa solo se si pensa che "alfa" sia un complimento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: