Viaggiare

Hai presente i viaggi in auto la sera o la notte? Quando è tutto buio, solo le luci intorno vaghe e poche, soprattutto nelle strade appartate. E torni da un cinema, ristorante, festa o concerto. Ed è sera, magari venerdì o sabato. Ti senti quasi cullato dall’idea di arrivare a casa.

Ha un sapore di confidenze, di imminente riposo, lo senti nella pelle, quella quiete del tempo in cui solo i grilli, le lucciole e le rane fanno rumore. D’estate poi, la sensazione è anche più forte.

Nel nastro nero, nel buio morbido potrei andare avanti per ore in quel modo. Guidata dal desiderio insieme di proseguire e di arrivare. Una specie di felicità semplice, senza particolari sovrastrutture o aspettative, tranne essere dove sei, proprio con chi sei.

Persino se mi trovo con persone poco simpatiche, è un momento così bello che sembrano persino belle persone.

Un perfetto equilibrio tra essere da qualche parte e non esserci, ha il sapore di un ponte che si distende e che attraverso, a velocità costante, vedendo il fiume dell’accadere sotto di me.

Che sia fatta in questo modo, la più bella delle felicità? Una transizione consapevole, imminente e insieme eterna, il fulcro esatto del mondo in cui perdi la coscienza di essere te stesso e ti vuoi solo lasciare andare, sei solo un corpo trasportato da una scatoletta vibrante.

La felicità, un viaggio.

Annunci

A mia madre

Dell’estate un sapore aspro
e insieme pannoso
o dell’inverno, quel pungere
amico del freddo ventoso

Una sorpresa che sembrava svanita
e di una festa la più bella: l’attesa.

Cose che non hai il tempo
di ricordare, te ne riappropri
ti punge il bisogno
di non poterle dimenticare.

E d’un tratto correggi la vista:
ciò che pareva bianco o nero
è un intero mazzo
un immenso catalogo
di sfumature del vero.

Clickbait

Oh, adesso è tutta da ridere
c’era una coscienza di classe
non l’avevo capito; c’era un afflato
addirittura un progetto
che univa il tutto

C’era un amore intrinseco
per l’arte per il sogno per il mare
ma è strano che sia tanto divisa
dall’amore per l’uomo

Riempirsi tanto la bocca
di parole profumate
non vi farà cambiare
l’alito marcio dei pensieri incarniti.

Oh, c’era un progetto, un’idea, un suffisso
un cane che si mordeva la coda
fino all’osso, fino al sangue
fino al Niente che sento risuonare
tra milioni di click.

Losò

Lo so che state male
E che state bene
Ponderando un giorno migliore
Piu acceso, meno scorso;
E lo so che state in pensiero
Per tutti i discorsi da telegiornale
Campati in giorni di festa;
E che state per cambiare
Il destino dell’uomo
Ogni giorno lo dite e lo dimostrate
Ai figli caduchi del sole
E lo so che state male
E poi state bene e poi male
Ma chissà come il male ha più appeal
Vi dà più luce e vibrante allure
E allora state male, state male
Annuiamo tutti insieme.
State male, state così male
Da poterlo dire ogni volta che mi vedete
E io cosa ne so? Di quanto davvero
Voi state male, e male ci volete stare.

Nomie

Dovrei cambiare rotta
e interessarmi all’onomastica
e alla teorie floreali
di culti mistici e gioielli di capelli.
E poi un poco di lettura della mano
aneddoti sulla vita dei santi
piccoli menagrami, indiscutibili virtù

Che ad avere la mente piena
di alti ideali civili
sei solo mentecatto
ti vergogni del tuo stesso
ti vergogni eccome, barbaramente
di concetti e illuminazioni

Nelle conversazioni migliori
un poco di niente per riempire
sazia più di un briciolo di tutto.

In

In un momento atroce
topico, rintronato e saturo
la molla del pensiamoci
s’irrigidì, il campo spezzato
tra fazioni di onesta memoria
ignaro di sangue versato
e pago di tempo sprecato;

E nel momento dopo
l’avvenimento più imponente
fu la gioia che fosse passato.

Nel momento prima
si presero gioco del tempo
i demonietti che correvano
sulle piste di controllo.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

Beauty Obsession

Sono Giulia e sono una studentessa dell'Università degli Studi di Padova. In questo blog tuttavia condividerò con voi un'altra mia grande passione: il mondo del makeup e della skin care. Scriverò recensioni dei miei prodotti preferiti, di quelli che mi sono piaciuti meno e di tutto ciò che riguarda il beauty.

Come Non Detto

il blog di Leo Ortolani, che ci teneva tanto, bisogna capirlo

40nagers

Be simple, be trendy, be fashionable

Rossetto e Merletto

piccole idee malvagie

Shopping & Reviews

a beauty blog

Craftynail

Nail polish? Yes, please!

StyleCaster

Style News and Trends

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

Conceal Don't Feel

Don't let them know che hai speso tutto da Sephora.

Il Misantropo Ignorante

Un luogo dove fermarsi il più brevemente possibile

orearovescio

scrivere è entrare nelle ore a rovescio

tarocchiacolori

il destino sta in quello che vedi

OggiScienza

La ricerca e i suoi protagonisti

Tucamingo

Femminismo, latte e biscotti

Il Maschio Beta

"Beta" è un'offesa solo se si pensa che "alfa" sia un complimento